Terzigno, non si fermano le proteste

TERZIGNO (NAPOLI) – Sono ormai diversi giorni che la cittadina di Terzigno, in provincia di Napoli, è teatro di una massiccia protesta da parte degli abitanti del luogo. Il motivo, come è noto, riguarda l’apertura della seconda discarica. Lunedì notte ci sono stati diversi scontri tra i manifestanti e la polizia in assetto antisommossa, che non si è fatta scrupolo di caricare e trascinare via anche donne e anziani che erano lì per tentare di testimoniare il loro forte disagio. Un altro autocompattatore (i “camion della spazzatura”) è stato ribaltato e dato alle fiamme, come già successo altre volte negli scorsi giorni.

La crisi in tutta la provincia non accenna a placarsi, nelle strade di Napoli e dintorni ci sono ancora centinaia di tonnellate di rifiuti, e ieri il presidente della Regione Caldoro si è visto costretto ad emanare un’ordinanza d’urgenza per deviare su altri tre siti lo sversamento dei rifiuti destinati alla nuova discarica di Terzigno. Ma ci sono ancora decine e decine di autocompattatori pieni che aspettano di poter scaricare e procedere con la raccolta nelle strade delle città.

Sarebbe molto facile, come pure si è fatto da più parti, scorgere una sorta di regìa della malavita organizzata dietro le proteste per l’apertura di nuove discariche; ma proprio un’autorevole voce della lotta alla camorra come Roberto Saviano ha invece spstenuto che è necessario ascoltare le ragioni della sofferenza delle persone che vivono nelle aree più disagiate, e che le procedure di emergenza, consentendo di sversare rifiuti non trattati (e quindi molto tossici) all’interno del parco nazionale del Vesuvio, si prestano molto facilmente a critiche e preoccupazioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...