Fini a Napoli: “Alle Comunali mani libere”

NAPOLI – Gianfranco Fini ha scelto Napoli per la nuova puntata del suo smarcamento dalla maggioranza. L’occasione è stata la presentazione del libro “In alto a Destra” di Giuliano Compagno. Nella sala conferenze dell’hotel Ramada, a due passi da Piazza Garibaldi, oltre un migliaio di persone hanno ascoltato un Presidente della Camera a 360 gradi: partendo ovviamente da Futuro e Libertà, la nuova “creatura” finiana che, a detta di Fini, più che un nuovo partito è “un movimento d’opinione aperto a tutti, non solo a quelli che votavano centrodestra”; e che non sarà “la Lega del Sud”, perché per risolvere i problemi dell’Italia c’è bisogno di riscoprire “una nuova identità nazionale”. Fini dichiara addirittura che la scelta di staccarsi dal PDL è avvenuta in ritardo: “Forse siamo stati troppo prudenti. Dovevamo farlo prima”.

Molto importante è anche il passaggio sulla legge elettorale, in cui Fini ha ribadito ancora una volta di ritenere necessario consentire agli elettori di votare per il proprio parlamentare. E Italo Bocchino, capogruppo alla Camera di FLI, ci è andato giù ancor più nettamente: “Se Berlusconi e Bossi staccassero la spina al governo per andare al voto, non esiteremo a fare una legge elettorale con chi ci sta, senza preclusioni verso nessun partito”.

Ma è sul piano locale che il discorso di Fini si è fatto particolarmente interessante. Come quando ha affermato che FLI nelle sue file “non accetterà parassiti e delinquenti”. Per chi lo sa cogliere, un fortissimo riferimento ai responsabili del PDL a Napoli, l’ex sottosegretario Cosentino e il presidente della provincia Cesaro, sulle cui teste pendono dei mandati di cattura per affiliazioni camorristiche. Una dichiarazione da cui non si può facilmente tornare indietro, e che autorizza a pensare che FLI non correrà insieme al PDL nelle elezioni amministrative della prossima primavera per il sindaco di Napoli. Non è certo un caso che in sala, ad ascoltare l’intervento del presidente della Camera, vi fossero anche importanti esponenti del PD, dell’API e dell’UDC locale. E non è nemmeno passata inosservata la presenza dell’industriale Gianni Lettieri, che molte indiscrezioni vorrebbero come prossimo candidato sindaco per il centrodestra, se non addirittura uno schieramento più “trasversale”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...